feb 152012
 

Da Lipsia a Bayreuth“, come l’inizio e la fine della della vita e delle opere di Richard Wagner, sarà il tema del programma dei festeggiamenti per il bicentenario della nascita del compositore, organizzato dal Festival di Bayreuth in collaborazione con l’Oper Leipzig. Il programma, che inizierà a gennaio per concludersi in luglio a ridosso dell’apertura del festival ufficiale, presenterà le tre opere giovanili del compositore eseguite presso l’Oberfrankhalle di Bayreuth e non nel celebre Festspielhaus, in linea con la volontà del fondatore, da sempre rispettata dagli eredi alla guida del Festival. Si comincia il 16 gennaio 2013 all’Oper Leipzig con una nuova produzione di “Die Feen” diretto da Ulf Schirmer e con la regia di Renaud Docet (ripresa il 9 luglio a Bayreuth) e si continua con “Rienzi” con la direzione di Christian Thielemann e la regia di Matthias von Stegmann (7 luglio) e “Das Liebesverbot” con la direzione di Constantin Trinks e la regia di Aron Stiehl (8 luglio e ripresa all’Oper Leizpig nella stagione 2013/14). Il 22 maggio 2013, giorno del compleanno di Richard Wagner, le porte del Festspielhaus si apriranno eccezionalmente per ospitare il concerto dell’Orchestra del Festival diretta da Christian Thielemann. In programma, il primo atto di “Walküre” (con i solisti i solisti Eva Maria Westbroek, Johan Botha e Kwanchul Youn) e estratti sinfonici da “Rienzi”, “Götterdämmerung” e “Die Meistersinger von Nürnberg”. Oltre alla musica,  molte altre occasioni artistiche saranno legate alla serie di eventi, come un concorso di cortometraggi di auguri per il 200 compleanno di Wagner (la premiazione il 28 luglio a Bayreuth), un premio di 5000 euro al miglior lavoro di ricerca sulla vita, l’opera e la ricezione dei lavori di Wagner e “Wagner goes rap”, un concorso aperto a giovani rapper su testi wagneriani. Quanto al Festival ufficiale, è confermata la nuova produzione annunciata da tempo di un nuovo “Ring des Nibelungen” con la direzione del russo Kirill Petrenko, la regia di Frank Castorf, da circa un ventennio alla guida della berlinese Volksbühne, e le scene del serbo Aleksandar Denic.

feb 072012
 

Con l’anteprima del 27 aprile inizierà  Il Ravenna Festival 2012  che sarà suddiviso in quattro capitoli: un concerto straordinario di Riccardo Muti con la  Chicago Symphony Orchestra per Rota, Richard Strauss e Sostakovic. Il 16 e il 17 maggio “Allegromosso” presenta l’XI European Youth Music Festival, organizzato per la prima volta in Italia dall’European Musicschool Union e dall’AIdSm con la partecipazione di 5000 giovani musicisti europei tra i 12 e i 25 anni. Il Festival dal 9 giugno al 15 luglio si intitola “Nobilisima Visione” e prende il via dal millenario della fondazione del Sacro Eremo di Camaldoli ad opera di Romualdo di Ravenna, tra gli ospiti l’ensemble Eloqventia, il coro estone Ensemble Heinavanker, la cantante uzbeka Monajat Yulchieva, la cantante nepalese Ani Choying Drolma. Sarà affidata a  Chiara Muti la regia di Sancta Susanna di Hindemith, con l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini diretta da Dennis Russel Davies eseguirà pagine di Part, mentre il PMCE diretto da Tonino Battista eseguirà Tehillim e City Life di Reiche che sarà presente al festival. E poi ancora Ambrogio Sparagna, omaggio a Egberto Gismonti. Dal 9 al 18 novembre, in fine, l’ultimo capitolo: “Trilogia d’autunno Aspettando Verdi” con Rigoletto Trovatore e Traviata.

gen 232012
 

Nonostante i timori dati dalla situazione economica sempre più critica, si preannuncia ricca e coraggiosa la trentunesima edizione del Bologna Festival. Il tutto grazie alla formula migliore, quella delle collaborazioni, che varcati i confini di tutta l’Emilia Romagna, coinvolgeranno  altri enti o teatri, dando la possibilità agli abbonati di assistere a concerti imperdibili. Uno su tutti, per esempio, quello che Riccardo Muti dirigerà al Pala De André di Ravenna il 27 aprile con la Chicago Symphony Orchestra, per un programma composto dalla Quinta Sinfonia di Šostakovic, Morte e trasfigurazione di Strauss e la Suite sinfonica dal “Gattopardo” di Nino Rota. L’inaugurazione sarà il 18 marzo a Bologna, col grande direttore Antonio Pappano, e l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia per l’Ottava Sinfonia di Anton Bruckner. La tradizione bolognese del Festival resterà con The Schoenberg Experience, la sezione autunnale di Bologna Festival, Il Nuovo L’Antico, traccerà un percorso tra le musiche del padre della dodecafonia e un ideale erede dell’avanguardia viennese come Wolfgang Rihm.

gen 112012
 

Tutto esaurito per la prova aperta della Sinfonia numero 9 «Dal nuovo mondo» di Antonín Dvorák e del Concerto per violino di Beethoven, diretta alla Scala da Daniel Harding l’8 gennaio 2012.

L’evento rientra nel progetto «La Filarmonica incontra la città» con cui l’orchestra, grazie al sostegno di UniCredit e UniCredit Foundation, alla collaborazione del Teatro alla Scala, al Patronato della Regione e al Patrocinio di Comune e Provincia, raccoglie fondi per le associazioni di volontariato milanesi.

L’iniziativa “Prove Aperte” alla Scala, un progetto a favore dell’infanzia, prosegue ora, sempre  in collaborazione con UniCredit. Con questa iniziativa la Filarmonica della Scala facilita l’accesso alle prove dei suoi concerti ad un pubblico che abitualmente non frequenta il Teatro alla Scala. In programma, altre cinque prove aperte dirette da grandi maestri: la prima sarà dedicata alla città, mentre il ricavato delle altre quattro sarà interamente devoluto ad altrettante associazioni che si occupano di infanzia: OBM-Ospedale dei Bambini di Milano Onlus;CasAmica; Bambini senza sbarre, e la cooperativa COMIN.

Dal 13 Gennaio sarà possibile acquistare i biglietti singoli (su Aragorn, Geticket e Vivaticket da € 5 a € 35 escluse le commissioni di servizio) per la seconda Prova Aperta, in programma giovedì 5 febbraio con il Maestro Esa-Pekka Salonen per l’Ospedale Buzzi.

Dall’8 febbraio saranno acquistabili anche i biglietti per la terza Prova Aperta di domenica 1 aprile 2012 con il Maestro Christoph Eschenbach per CasAmica Onlus, per la quarta in programma sabato 21 aprile con il Maestro Riccardo Chailly per Bambini senza sbarre e per la quinta Prova Aperta di domenica 6 maggio con il Maestro Andrea Battistoni per cooperativa COMIN.

L’iniziativa “La Filarmonica della Scala incontra la Città”, ha registrato, come detto, il tutto esaurito al primo appuntamento della Stagione 2011/2012 di domenica 8 gennaio, a conferma del valore culturale e sociale del progetto  cui UniCredit e Filarmonica della Scala lavorano per il terzo anno consecutivo e al quale i Milanesi rispondono con grande partecipazione e la generosità di sempre.

Informazioni e prevendita telefonica: 02 465 467 467 (da lunedì a venerdì ore 10-13 e 14-18)

Calendario:
5 febbraio 2012 ore 20.00 – Direttore Esa-Pekka Salonen
Prova aperta a favore dell’Ospedale dei Bambini Milano – Buzzi Onlus
1 aprile 2012 ore 10.30 – Direttore Christoph Eschenbach
Prova aperta a favore di CasAmica Onlus
21 aprile 2012 ore 10.30 – Direttore Riccardo Chailly
Prova aperta a favore di Bambini Senza Sbarre
6 maggio 2012 ore 20.00 – Direttore Andrea Battistoni
Prova aperta a favore di COMIN
gen 102012
 

Giovedì 12 gennaio alle ore 21 al Teatro Politeama Pratese, si terrà il concerto della Camerata Strumentale Città di Prato diretta da uno dei più straordinari musicisti italiani, Piero Bellugi.

Il programma prevede L’Ouverture Le Ebridi op. 26 di Mendelssohn e la Sinfonia n. 6 in fa maggiore op. 68 «Pastorale» di Beethoven.

Accanto a Bellugi, Gregorio Nardi eseguirà il Concerto in la minore op. 54 di Schumann.

La serata si annuncia come un’esperienza di notevole originalità. Piero Bellugi e Gregorio Nardi hanno infatti deciso di offrire una lettura inconsueta del Concerto di Schumann. Sarà possibile ascoltare questo capolavoro eseguito secondo le indicazione di velocità segnate dal compositore – una scelta raramente accolta dagli interpreti, che preferiscono tradizionalmente affidarsi ai tempi più comodi proposti nell’edizione di Clara Schumann.

I metronomi di Schumann trasformano il Concerto in una cupa e travolgente ballata romantica, una incalzante azione drammatica attraverso isole di fugace contemplazione. Un ascolto inedito e imprevisto di un brano altrimenti assai familiare – è un’occasione rara, resa possibile dall’affiatamento dei due interpreti, dalla loro amicizia e reciproca ammirazione.

La serata sarà trasmessa in diretta sulle frequenze di Rete Toscana Classica:
www.retetoscanaclassica.it     oppure su  FM : 90.2 – 93.1 – 93.3 – 94.6 – 97.5 – 99.3

Per prenotazioni la biglietteria è aperta dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 17.00 alle 19.30

Teatro Politeama Pratese, Via G. Garibaldi, 33 PRATO
Tel. 0574/603758

gen 042012
 

E’ bello prendere, come buon auspicio, l’ottimo Concerto di Capodanno alla Fenice di Venezia, trasmesso in Eurovisione dalla RAI.

E’ bello credere che, proprio come una Fenice, il glorioso teatro veneziano – letteralmente risorto dalle fiamme – e la musica e le arti italiane potranno risorgere dal deserto culturale e politico che le sta cancellando.

Valga da insegnamento la sublime direzione del giovane Diego Matheuz, figlio di quel Venezuela che, con la musica classica, ha investito sul futuro dei bambini, che a distanza di anni riescono ad arrivare lontano, affrancati dalla miseria socio culturale alla quale sarebbero stati condannati.

Il concerto della Fenice è riuscito ad offuscare – per una volta – quello di Vienna. Iniziando con l’Inno di Mameli,  il ventisettenne Diego Matheuz ha diretto l’orchestra e il coro veneziano. L’evento è stato trasmesso in diretta televisiva dalla RAI, a partire dalle 12,20, con un repertorio operistico di Verdi, Bellini, Mascagni, Donizetti, Puccini e Ponchielli, oltre al ”Valzer del commiato” di Nino Rota. Il tenore Walter Fraccaro, applauditismo, ha eseguito l’aria ”E lucean le stelle” di Puccini, così come il soprano australiano Jessica Pratt, con la difficile aria dalla “Sonnambula” e quella dalla “Linda di Chamounix” di Donizetti. Un piacere immenso, poi, è stato ascoltare il valzer di Rota, indimenticabile grazie al film “Il Gattopardo” di Luchino Visconti, che ha fatto emergere la duttilità del giovane Direttore d’Orchestra venezuelano.

Imperdibile il resto del programma, con l’aria mozartiana ”Madamina, il catalogo è questo” dal “Don Giovanni”, magistralmente eseguita dal grande basso Alex Esposito, e l’esecuzione dei pilastri verdiani ”Va pensiero” e ”Libiam”. Tutto il programma è risultato impostato nella proposta di partiture finalizzate a sottolineare la spensieratezza e alla gaiezza della ricorrenza. Emozionati ed emozionanti, per finire, gli immancabili auguri per il 2012 del Direttore d’orchestra a tutto il mondo.

Unico neo: il taglio del “bis” concesso al pubblico in sala, e negato, senza pietà, dalla ripresa Rai, che doveva programmare la pubblicità prima del Telegiornale. Un vero peccato, che ha fatto arrabbiare molti telespettatori. In ogni caso, grazie, mamma RAI, per avere coprodotto e mandato in onda questo evento: pagherò volentieri il canone, quest’anno, per questo spettacolo. Certo, se ne avessimo di più, di musica così, saremmo ancora più felici. La RAI è stata per decenni il fattore unificante ed edificante della cultura e della lingua italiana: ci piacerebbe molto che potesse tornare a ricoprire il suo vero ruolo. L’augurio è, che, anch’essa, rinasca dalle ceneri, come La Fenice.

dic 222011
 

E’ stato inaugurato a  Firenze il nuovo teatro del Maggio con un imponente concerto-evento diretto dal maestro Zubin Mehta. Dopo soli due anni dall’inizio dei lavori la nuova casa del Maggio Musicale è stata consegnata alla città, nella centralissima zona del Parco delle. All’evento hanno partecipato 1800 gli spettatori che hanno voluto ringraziare l’Orchestra e il coro del Maggio con una standing ovation finale. In programma c’era la prima assoluta di una nuova pagina composta da Sylvano Bussotti proprio per l’occasione, Gegenliebe, e due pagine beethoveniane: l’ouverture Leonore n.3 e la Nona Sinfonia.

All’evento hanno partecipato molte personalità del mondo della politica, dello spettacolo e della cultura.

La costruzione del Nuovo Teatro si deve allo stanziamento dei fondi per i 150 anni dell’unità di Italia e rimarrà aperto fino al 1° gennaio 2012, dopo di ché subirà una chiusura, si spera momentanea per l’ultimazione dei lavori, per i quali comunque mancherebbero all’appello altri 100 milioni di Euro. Si spera quindi che – anche in seguito alle inchieste aperte dalla magistratura per gli appalti e la lievitazione dei costi, il teatro possa riaprire come previsto a Novembre con la Turandot di Puccini per la regia di Zhang Ymou.

dic 222011
 

PROVA APERTA DIRETTA DA ESA-PEKKA SALONEN A FAVORE DI OBM ONLUS

Domenica 5 febbraio 2012, alle ore 20, l’orchestra suonerà sotto la direzione del Maestro Esa-Pekka Salonen sul palco del Piermarini, a sostegno di OBM Ospedale dei Bambini Milano – Buzzi Onlus.

Con il critico musicale Angelo Foletto, il Maestro Salonen introdurrà la prova guidando il pubblico alla scoperta dei brani in programma: Una notte sul monte Calvo di Musorgskij, il Concerto per violino e orchestra di Salonen, con la partecipazione della violinista Leila Josefowicz, e Le sacre du printemps di Stravinskij.

Oltre a rappresentare un’importante opportunità per assistere a prezzi contenuti e in anteprima alla messa a punto di un grande concerto, le Prove Aperte costituiscono anche una concreta occasione di solidarietà: l’intero ricavato di questa prima serata, infatti, sarà devoluto a favore di OBM Ospedale dei Bambini Milano – Buzzi Onlus per il miglioramento dell’assistenza offerta a bambini, donne e famiglie che si rivolgono all’Ospedale.

La Filarmonica della Scala, in collaborazione con il Main Partner UniCredit e con UniCredit Foundation, rinnova dunque il tradizionale sostegno nei confronti delle associazioni non profit, offrendo la possibilità di organizzare alcune Prove Aperte dei concerti in programma per il 2011/2012, stagione che segna il trentesimo anniversario della Filarmonica della Scala.

Quest’anno l’iniziativa  è rivolta a enti milanesi che si occupano di infanzia, per contribuire ad aiutare bambini in difficoltà e per lanciare un messaggio di sensibilizzazione su questa urgenza sociale. Il calendario delle Prove Aperte prosegue fino a maggio con altri tre appuntamenti in favore di altrettante associazioni: CasAmica onlus (domenica 1 aprile),  Bambinisenzasbarre onlus (sabato 21 aprile), Cooperativa Comin (domenica 6 maggio).

Biglietti: da 5 a 35 euro (esclusi i diritti di prevendita)

dic 132011
 

RingNotes, le nuove suonerie per iPhoneE’ disponibile presso tutti gli Apple Stores una nuova applicazione per iPhone, “RingNotes”. Si tratta di nuove suonerie create utilizzando tecnologie digitali all’avanguardia, appositamente composte da uno dei nostri migliori artisti, un  giovane pianista concertista di grande talento, che, grazie alla rigorosa matrice classica, renderanno più originali, esclusivi e piacevoli gli squilli degli iPhone.L’arpa, il pianoforte, il Glokenspiel, grazie alla maestria del compositore, produrranno suoni raffinati, allegri e spiritosi, capaci di distinguersi tra le ormai abituali e comuni suonerie – sempre più o meno le stesse – che si confondono e ci confondono tra la folla: RingNotes propone moltissime melodie originali, che piaceranno sicuramente a coloro che amano la grande musica.

L’applicazione, gratuita, permetterà l’acquisto di uno o più pacchetti di circa 25 suonerie al costo minimo praticato da AppStore (25 suonerie a 79 centesimi di Euro).

RingNotes è un prodotto italiano, ideato e prodotto dalla nostra Casa discografica ClassicaViva®, il network della musica classica.

Ve ne diamo notizia con grande soddisfazione: questo prodotto è un simbolo della profonda sinergia tra le nostre attività (quella informatica, di New Problem Solving S.r.l. , l’azienda che ha creato ClassicaViva e ne costituisce l’anima tecnologica, e quella musicale, per l’appunto ClassicaViva, che si coniugano e fondono nei nostri siti web e, soprattutto, nel nostro studio di incisione, dove sono state create le nuove suonerie).

Di seguito, i nostri primi video promo, in italiano e in inglese, che lanciano il prodotto con lo slogan Ring different.